Incontro/aperitivo con Ascanio Celestini

Venerdì 22 gennaio ore 18.00

Villa Bombrini – Cornigliano

 

Ascanio Celestini sollecitato da Paolo Borio incontra il pubblico a Villa Bombrini per parlare di teatro e cinema. Attore e scrittore da sempre attento alla ricerca storica popolare e al racconto orale, Celestini ci racconta del suo film “Viva la sposa”, presentato con successo alla Mostra del Cinema di Venezia e ora in programmazione nelle sale. Nel nuovo lavoro teatrale “Laika” invece Ascanio Celestini, accompagnato dalla fisarmonica di Gianluca Casadei, si presenta in scena come un narratore finto cieco, forse profeta, forse matto, forse alcolizzato, un Gesù santo bevitore o più semplicemente un povero cristo. Dialoga con un Pietro che non si vede, a cui dà la voce (registrata) Alba Rohrwacher. Parla di Dio e di Stephen Hawking, di una vecchia non proprio credente, di una prostituta che voleva farsi suora, di un barbone nero, della cagnetta Laika lanciata nello spazio, dei pensieri di un facchino, dei turni di lavoro, della polizia che carica, di dove inizia il mare. Ora struggente, ora indignato, strampalato e divertente, lo spettacolo non è costruito attorno a un’unica trama ma a mille fili che compongono un affresco amaro della nostra società ed umanità. Alla fine il miracolo arriverà, un miracolo laico, che si concretizza in un gesto di partecipazione e di indignazione. Perché alla fine Dio rimane lassù a guardare, ma siamo noi uomini qui a potere fare la differenza.

L’incontro, che fa parte delle iniziative promosse dal Teatro dell’Archivolto conil sostegno di Società Per Cornigliano, sarà condotto da Paolo Borio.

A seguire l’aperitivo offerto dagli Amici dell’Archivolto.

 

Ingresso libero

info 0106592220

 

 

 

Info 0106592220, www.archivolto.it

Società Per Cornigliano SpA
info@percornigliano.it

La Società Per Cornigliano S.p.A., costituita in data 22 febbraio 2003, è il soggetto proprietario delle aree e destinatario dei finanziamenti stanziati da varie leggi nazionali per la riconversione delle aree dismesse dallo stabilimento siderurgico di Genova-Cornigliano, a seguito dell’interruzione della produzione Siderurgica a caldo dell’ILVA (ultima colata 29 luglio 2005). L’obiettivo della Società è Restituire ai cittadini di Cornigliano il loro territorio, attraverso un progetto di Riqualificazione Urbana di elevata qualità. Parallelamente la Società sostiene iniziative ed attività per la promozione della cultura, del partrimonio architettonico e dell’integrazione sociale a Cornigliano, in particolare mettendo a disposizione la location di Villa Durazzo Bombrini  per mostre, feste e concerti di notevole interesse sociale.