Contatti Documenti Società trasparente Gare e contratti Foto e video Archivio news English
Archivio news
Back
16_ 03 2009
MOSTRA FOTOGRAFICA SU CORNIGLIANO PRESSO IL MUSEION DI BOLZANO
La fotografa di Merano Elisabeth Hoelzl è stata nostra ospite nell’autunno scorso nelle aree ex ILVA.

Il frutto di quella e di precedenti sessioni fotografiche viene ora esposto presso il MUSEION Museo d’arte moderna e contemporanea di Bolzano nella mostra New Entries curata da Letizia Ragaglia che intende mostrare soprattutto posizioni fotografiche e tematizzare il ruolo della fotografia all’interno dell’arte contemporanea.

Elisabeth Hoelzl presenta una installazione dal titolo “Vakuum” composta da otto grandi wallpaper in bianco e nero e da una serie di cartoline. Le foto raffigurano l’area dismessa dell’Ilva di Genova/Cornigliano e mostrano il luogo nel momento di passaggio tra la demolizione dell’industria siderurgica e la sua destinazione futura. Un enorme spazio temporaneamente vuoto, sospeso tra passato e futuro. A questo vacuum, testimoniato dalle immagini, fa da contrappunto un ricco repertorio di frasi che l’artista ha ricavato sia da numerose interviste rivolte da lei stessa agli abitanti di Cornigliano sia da materiali già pubblicati. Memorie di ciò che fu, desideri e sogni su ciò che uomini e donne si augurano per il futuro di questo luogo, diventano l’argomento di tante epigrafi che, stampate in bianco e nero su cartoline, rimangono a disposizione dei visitatori che possono portarsele a casa.

“…ogni pezzo asportato lascia un vuoto, dicevamo. Un vuoto, due vuoti, cinque vuoti, dieci vuoti, crescevano in maniera ritmica, inesorabile, un giorno dietro l’altro, sommandosi l’uno all’altro in funzione di un bel nulla compatto. Il vuoto sostituisce piano piano il pieno, se lo mangia, fino a sfondare, in ultimo, le stesse pareti del capannone e il tetto. Dilaga dappertutto.“

La mostra rimarrà aperta fino al 14 febbraio 2010.

Società per Cornigliano SpA
R.I. Genova, CF e PI IT01367680996, Capitale Sociale € 11.975.277,00 i.v.
design by Xedum